Dal Mercato | 21 aprile 2021

Uno, due, tre... cento luppoli

L' aroma e il gusto amaro della birra derivano in gran parte proprio dal luppolo, i cui fiori a forma di ghiande sono ricchi di oli essenziali in grado di conferire alla birra sentori e profumi unici

Uno, due, tre... cento luppoli

Acqua, malto lievito e luppolo, sono questi i 4 ingredienti fondamentali che danno vita ad una delle bevande più amate e apprezzate: la birra.

Il suo aroma e il gusto amaro derivano in gran parte proprio dal luppolo, una pianta rampicante i cui fiori a forma di ghiande sono ricchi di oli essenziali che conferiscono alla birra sentori e profumi particolari.  Ne esistono centinaia di varietà, che si differenziano per forma, colore, dimensione e aroma a seconda del luogo di origine: America, Inghilterra, Giappone, Slovenia, Repubblica Ceca, Belgio, Australia…In Italia se ne produce una quantità minima, ma le coltivazioni sono in aumento.

Il luppolo viene utilizzato in infusione durante la bollitura del mosto e, a seconda della durata di questa fase e della qualità del luppolo, la birra acquisterà un gusto diverso. 

I birrifici artigianali prevedono normalmente l’utilizzo di diversi tipi di luppoli nelle loro ricette. La combinazione di questo ingrediente, unita alla sapienza dei mastri birrai, definisce le sfumature dell’aroma e del gusto di ciascuna birra, creando prodotti unici.  

Vale la pena di sottolineare che l'eccellenza della birra non si determina dal numero di luppoli usati, ma dalla loro qualità e dal modo in cui la varietà scelta si armonizza con lo stile e gli altri ingredienti della ricetta.

Tag: birra, malto, orzo, luppolo

Autore: M.N. megazine@megmarket.it 

Registrati alla nostra Newsletter