Territorio | 10 gennaio 2021

L'eleganza dei guanti, la Napoli che sorprende

Il distretto napoletano produce la maggior parte dei guanti italiani in pelle, con artigianalità sartoriale, manualità e creatività

L'eleganza dei guanti, la Napoli che sorprende

Napoli è la città delle meraviglie e delle contraddizioni, nascoste tra i quartieri popolari e l’eleganza delle sue piazze; a tratti riecheggiano nei vicoli, tra i colori e gli odori delle botteghe che raccontano storie e tradizioni.

Ogni quartiere napoletano ha vita a sé e qualcosa di speciale accade da circa tre secoli nel Rione Sanità, che ha dato i natali anche al grande Antonio de Curtis, in arte Totò.

Qui, nel cuore laborioso della città, all’interno di piccoli e invisibili spazi, a partire dal 1700, nacque e si sviluppò l’eccellenza italiana della guanteria, orgoglio di intere famiglie, da sempre famose più all’estero che a casa propria.

Le prime botteghe aprirono in quella che ancora oggi porta il nome di “Via dei Guanti Nuovi”, nella città borbonica allora definita “capitale dell’eleganza e dello stile”.

Attualmente è sempre il distretto napoletano a produrre la maggior parte dei guanti italiani in pelle, rigorosamente a mano, con una qualità senza rivali e con più del 60 per cento di produzione destinato all’esportazione.

Artigianalità sartoriale, manualità e creatività sono le caratteristiche necessarie per la creazione dei guanti, che richiedono almeno venti passaggi.

Dalla scelta del pellame pregiato, che arriva da paesi lontani, alla misura, dove il metro non è in centimetri, ma in pollici guantai, che corrispondono a un dodicesimo del piede di Carlo Magno, ossia 2,7 centimetri, proseguendo con taglio, cucitura.

Ogni fase viene curata da artigiani specializzati, una vera e propria arte tramandata di generazione in generazione da intere famiglie, dove ogni componente ha un ruolo ben preciso.

Nonostante la crisi del dopoguerra e l’avvento della tecnologia, l’abilità dei guantai partenopei è ancora oggi riconosciuta e apprezzata ovunque e da ogni parte del mondo, sono moltissime le persone che arrivano a Napoli per acquistare i pregiati guanti, simbolo e orgoglio del capoluogo campano.

Tra loro, naturalmente, ci sono i rappresentanti dei grandi nomi dell’alta moda, da Dior a Chanel a Yves Saint Laurent, per i quali i prodotti della guanteria napoletana rappresentano un accessorio intramontabile, discreto, raffinato ed estremamente elegante.

Tags: Napoli, Regione Campania, imprese, guanti, Carlo Magno, Dior, Chanel, Yves Saint Laurent, Rione Sanità, Totò, Antonio de Curtis

Autore: M. N. megazine@megmarket.it