Sommario | 17 luglio 2022, 05:30

A un passo dal profondo blu

Come dicevi tu: “il volo è arte e scienza, libertà, flessibilità, ispirazione, magia ma soprattutto emozione pura”

A un passo dal profondo blu

 

In silenzio ascolto Il rumore di quelle mani che trascinano verso il basso cinghie tra metallo, cinghie che ti legano oggi per sempre a lui.

Intensa si libra nell’aria la concentrazione che porta i tuoi occhi verso quel foglio bianco, fisso lì davanti a te, pronto a disegnarti la via.   

Sento mani ferme e decise stringere e muovere quei comandi che tendono con forza fili metallici intrecciati e sottili che ti legano a lei.

Ascolto ad occhi chiusi il silenzio del vento che scivola sulle sue ali bianche e lunghe. 

Sento quel rumore sordo che in un attimo ti lascia solo e libero nel profondo blu, 

solo in quel profondo blu che ti osserva volteggiare maestoso sulle ali della tua libertà.

Lancette bianche su sfondo nero segnano velocità controllate,

un filo rosso il vento.

Terra, sole e nuvole, stretti in un lembo di cielo, osservano maestosi e seri il tuo volteggiare leggero.

Tu dicevi: “volando o si vince o si impara, non si perde mai!”

Ma in un attimo un graffio del grande blu ti ha trascinato via,

un attimo senza tempo, un attimo senza lacrime, un attimo senza respiro.

Vola ora libero nel cielo

dove Remo ed Emilio accompagnino il tuo volo eterno.

Buon viaggio Jack!

 

A Giacomo campione, il ragazzo volante.

 

Ti rialzerà, ti solleverà
Su ali d'aquila ti reggerà
Sulla brezza dell'alba ti farà brillar
Come il sole, così nelle sue mani vivrai

Alberto Cocetta