MEG Market | 09 dicembre 2021, 05:30

Confettura e marmellata, c'è differenza?

Sugli scaffali fanno bella mostra di sé le confetture e le marmellate più classiche, ma le ultime tendenze invitano a mischiare i sapori, aggiungendo a frutta e zucchero ingredienti “insoliti” come le spezie, per creare nuovi abbinamenti

Confettura e marmellata, c'è differenza?

Benché nel linguaggio comune si usi quasi sempre il termine marmellata, ciò che normalmente spalmiamo sulle fette biscottate o usiamo per preparare delle ottime crostate in realtà si chiama confettura.

Sì perché la parola marmellata, che arriva dal portoghese marmeleiro, presuppone una preparazione a base di agrumi come pompelmo, arancia, mandarino, limone e bergamotto, in cui è possibile utilizzare sia il succo che le scorze. Se usiamo qualunque altro tipo di frutta, allora si chiama confettura dal francese confiture. Deve contenere frutta almeno al 35%, con l'aggiunta di zucchero ed eventualmente di altri additivi e diventa confettura extra se la frutta costituisce almeno il 45%. Esiste poi anche la composta, una confettura con almeno il 65% di frutta, meno zucchero e polpa frullata.

E se sugli scaffali fanno bella mostra di sé le confetture più classiche come fragola, ciliegia, albicocche o pesche, le ultime tendenze invitano a mischiare i sapori, aggiungendo ingredienti “insoliti” come le spezie per creare nuovi abbinamenti. C’è chi unisce il pepe nero alla confettura di lamponi, chi la cannella o lo zenzero alle pere, chi aggiunge la vaniglia alle albicocche e chi invece mischia il cacao con le more.

E’ solo una questione di gusto, la cosa importante è scegliere frutta di qualità al giusto grado di maturazione, rigorosamente di produzione italiana.

Tag: marmellata, confettura, composta, frutta, zucchero

Autore: M.N. megazine@megmarket.it

In Breve

venerdì 05 agosto
martedì 02 agosto
venerdì 22 luglio
martedì 19 luglio
venerdì 15 luglio
martedì 12 luglio
sabato 09 luglio
venerdì 08 luglio
martedì 05 luglio
venerdì 01 luglio