Giro d'Italia d'Epoca | 08 maggio 2021

Fra Sassicaia e "panino al polpo"

Alla ciclostorica 99 Curve non mancano i cibi della tradizione locale accompagnati da un vino straordinario e conosciuto in tutto il mondo

Fra Sassicaia e "panino al polpo"

"La nostra è terra di vini e anche di eccellenza - raccontano gli organizzatori delle Ciclostorica 99 Curve -. Siamo a Bolgheri e basta citare l'internazionalità del Sassicaia. Ma non è solo quello di Bolgheri il terroir implicato nei 90 Km della 99 Curve, c'è anche Suvereto che produce altrettanto ottimi vini. Si tratta principalmente di vini rossi e quindi da abbinare con la carne".

Ciclismo e territorio, un'abbinata vincente. E' così che la 99 Curve si identifica per i molti passaggi caratteristici con una natura completamente diversa, dal mare, al bosco,  alla collina. Sicuramente da segnalare i più suggestivi e panoramici, come quello prima di arrivare nel golfo di Baratti. Si attraversa un sentiero a picco sugli scogli che, tra gli scorci di macchia mediterranea, lascia intravedere il castello di Populonia sulla collina e, guardando il mare, l'Isola d'Elba e le isole dell'Arcipelago Toscano.

"Le specialità della nostra terra sono varie e cambiano anche in pochi chilometri, da paese a paese - raccontano gli organizzatori della 99 Curve -. Chi è venuto si ricorda ancora i "panini al polpo" oppure le salse a base di cinghiale, i formaggi, la pasta artigianale, le zuppe a base di verdure e legumi coltivate a Km zero, i dolci tipici e naturalmente il vino".

Tag: GIDE, Michela Girardengo, Gioia Bartali,  ASD Outdoor Sports Festival, Giulia Bartolozzi, Paolo Franchini, Fabio Tavarnesi, Duccio Arrighi, Stella Caroni, Suvereto, Toscana, Sassicaia