| 07 maggio 2021

Il miele è speciale quando la natura fa la differenza

"Ogni miele è unico, non esistono due mieli identici", spiega Agnese di Eden

Il miele è speciale quando la natura fa la differenza

La prima cosa che ci colpisce quando osserviamo i vari tipi di miele è la gamma di colori, che può presentarsi da quasi incolore a nero, passando attraverso le molte sfumature del giallo, dell’ambra e del marrone. 

L’odore, l’aroma e il sapore cambiano molto.

"La natura, il territorio di bottinatura e le pratiche apistiche fanno sì che non ci sia una standardizzazione della composizione, dell’aspetto e delle caratteristiche organolettiche del miele: ogni miele è unico, non esistono due mieli identici", spiega Agnese di Eden.

I componenti principali del miele sono:

  • zuccheri: costituiscono circa il 95% della parte secca. Il fruttosio e il glucosio sono gli zuccheri semplici più rappresentati;
  • acqua: la sua percentuale è determinante per la conservazione del miele, deve essere infatti al di sotto del 18% per evitare il rischio di fermentazione;
  • acidi organici: determinano il pH del miele e, essendo responsabili dell’acidità del miele, contribuiscono anche al suo caratteristico aroma;
  • sostanze minerali: sono più alte nella melata, l’elemento maggiormente rappresentato è il potassio. I minerali contenuti nel miele scaturiscono dal suolo da cui le piante traggono il loro nutrimento, li ritroviamo quindi nel nettare che le api bottinano;
  • aminoacidi e proteine: il miele contiene quasi tutti gli aminoacidi essenziali grazie alla contaminazione con il polline.

Tag: miele, Eden, benessere, Montezemolo, città del miele, Agnese Giachello, api e vita

Autore: megazine@megmarket.it 

In Breve

Registrati alla nostra Newsletter